31/08 Presidio sotto le mura del CPR di Bari Palese – Liber* Tutt*

A Bari c’è un lager situato a Bari Palese all’interno di un’area militare, realizzato alla fine degli anni 90 a seguito dell’approvazione della Legge 40 nel 1998. Questo lager oggi si chiama CPR ed è una struttura di detenzione amministrativa riservata esclusivamente ai cittadini stranieri che, pur non avendo commesso alcun reato, sono senza regolare permesso di soggiorno. Dai tempi della “roulottopoli per richiedenti asilo di Bari Palese” [1] [2], all’istituzione del lager in viale Gabriele d’Annunzio sono cambiati i nomi definiti dalle leggi (CRP, CIE, oggi CPR) ma non è cambiata la sostanza di un luogo di detenzione che negli anni è stato distrutto ripetutamente dalle innumerevoli sommosse portate avanti dai reclusi in nome della libertà.


Agli inizi del 2016 il CIE di Bari Palese viene chiuso a seguito di due rivolte che rendono inagibile l’intera struttura, che pochi mesi dopo sarà descritta, dal Tribunale di Bari: “luoghi rimasti saldamente legati in senso negativo alle strutture di costrizione e di sofferenza di esseri umani che vi erano collocati, come Auschwitz, Guantanamo e Alcatraz [3] [4].” Nonostante le ripetute rivolte e le sentenze di condanna, il CPR di Bari ha riaperto nel 2017 a seguito di una pesante ristrutturazione di tipo securitario, che aderisce perfettamente all’idea di “discarica umana” [5] per persone private dei diritti fondamentali in quanto considerate illegali.

A questa condizione si aggiungono le inumane e degradanti condizioni di detenzione confermate dalle testimonianze dirette [6] di chi ha denunciato la presenza di tranquillanti e psicofarmaci nel cibo di per sé scadente quando non avariato, l’inesistenza dei servizi igienici e la presenza dell’acqua corrente solo alcune ore al giorno, l’assenza di cure dovuta alla mancanza di un presidio medico. I CPR sono luoghi nei quali vige l’arbitrio più assoluto anche in considerazione del fatto che tali strutture non sono neanche soggette all’ordinamento penitenziario ed seguito di questo stato di cose anche quest’anno il CPR di Bari è stato oggetto di frequenti rivolte e tentativi di fuga, alcuni andati a buon fine, altri purtroppo no [7] [8].

Negli ultimi anni, con particolare riferimento al DL Minniti/Orlando approvato nel Aprile 2017 e al DL Salvini I, approvato nel Dicembre 2018, migliaia e migliaia di persone hanno perso, o stanno perdendo, il permesso di soggiorno, con il rischio di essere deportate all’interno di un CPR al fine di essere espulse.
Nessun essere umano può essere considerato illegale e per queste ragioni essere detenuto. La chiusura immediata di tutti i CPR e la liberazioni di tutte e tutti i detenuti è un atto imprescindibile per chi crede nella solidarietà e nella libertà.

Per la libertà di tutte e tutti i reclusi, per la chiusura di tutti i CPR
Sabato 31 Agosto, ore 17:00 – Presidio solidale sotto le mura del CPR di Bari – Palese
(Via Gabriele D’annunzio)
Ex-Caserma Liberata
Solidali di terra di Bari

Link Originale

Divine Libero, Liber* Tutt* – Presidio sotto le mura del CPR – Bari Palese

Contro luoghi di detenzione e frontiere,
per ottenere la liberazione di Divine
e la liberazione di tutte e tutti dai CPR

Sabato 20 Luglio ore 17:00

Presidio sotto le mura del CPR di Bari Palese

Lunedì 15 Luglio a Bologna un compagno residente in Italia da più di vent’anni, fornito di tutti i regolari permessi, è stato prelevato forzosamente dalla sua abitazione al fine di notificargli un decreto di espulsione. Decreto convalidato dal giudice, nonostante il ragazzo fosse stato assolto dal reato che avrebbe dovuto far scattare l’espulsione. [1, 2]Nessuna prova di reato necessaria, se non la volontà e la pressione politica del Viminale per deportare un ragazzo in un paese, la Nigeria, che ha visto solo da bambino. Ė bastata la firma del Ministro degli Interni Matteo Salvini in calce ad una richiesta ministeriale per convalidare l’espulsione. Dalla convalida del decreto, Divine ha avuto una sola ora di tempo per raccogliere poche cose e essere scortato all’aeroporto di Malpensa.

L’impegno dei suoi avvocati ha portato la Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo a pronunciarsi per una sospensione immediata del decreto di espulsione mentre una mobilitazione immediata di solidali presso l’aeroporto di Malpensa ha nei fatti rallentato ed impedito la deportazione di Divine in Nigeria. In virtù del pronunciamento della Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo, la Prefettura di Milano avrebbe dovuto sospendere il decreto e liberare Divine invece è stato rinchiuso nel CPR di Bari-Palese. Le motivazioni di tanto accanimento stanno nell’impegno politico che Divine ha sempre portato avanti nella città nella quale ha vissuto per oltre 20 anni, Bologna, e nella determinata volontà del Ministro degli Interni Matteo Salvini di espellere dal paese un oppositore politico.

Conosciamo bene le condizioni di detenzione a cui sono sottoposti i prigionieri e le prigioniere nei CPR nonché la profonda illegittimità e crudeltà della detenzione amministrativa. Il CPR di Bari appena ristrutturato e definito da politici e forze di polizia un modello di sicurezza è stato già dato alle fiamme e in parte distrutto due mesi fa a seguito di una rivolta. Il CIE (ora CPR) di Bari è stato in passato già chiuso, prima da una condanna della Corte Europea per i Diritti dell’Uomo[3] e quindi dalle rivolte che lo hanno reso del tutto inagibile, fine a cui è destinata anche la nuova struttura visto che le brutali condizioni di carcerazione ed abbandono dei reclusi non fanno che peggiorare e dove l’unica prospettiva è la deportazione nel paese dal quale si è scappati per fame, miseria e guerra. Un’altra riprova è lo sciopero della fame iniziato dai detenuti e dalle detenute del CPR di Torino dopo la morte di un recluso per mancanza di cure.

Ex-Caserma Liberata

Non Solo Marange – Collettivo di mutuo soccorso e cassa di resistenza

_______________________________________________________________
Riceviamo e diffondiamo:

Lunedì 15 luglio verso le ore 13 la polizia si è presentata presso l’abitazione di Divine per condurlo in questura, dove gli è stato notificato un inaspettato decreto di espulsione ad personam, firmato direttamente dal ministro Matteo Salvini.

Nonostante il compagno vivesse in Italia da una ventina d’anni e avesse tutte le carte in regola per la sua permanenza, attraverso un’udienza per direttissima il giudice ha convalidato la misura di espulsione, appellandosi a denunce varie, tra cui la finalità di terrorismo da cui Divine era stato assolto anni fa. Gli è stata quindi data, su richiesta dell’avvocato, un’ora di tempo per prendere dei vestiti e un telefono, che gli è stato sequestrato, ed è stato caricato su un’auto diretta all’aeroporto di Milano Malpensa, dove è stato tenuto in regime amministrativo presso gli uffici della Polizia di Frontiera in attesa dell’esecuzione dell’espulsione, esecutiva dalle 18.53 di lunedì (orario di termine dell’udienza) e da effettuare entro le 48 ore successive.

E’ subito girata la voce tra compagni e compagne, amici ed amiche, e una sessantina di persone si sono recate a Malpensa nel pomeriggio di martedì 16 luglio, dove alle 19.10 un aereo della Air Italy, diretto a Lagos (Nigeria), sarebbe dovuto partire con a bordo Divine. I solidali presenti si sono mossi in piccoli cortei all’interno dell’aeroporto con striscione e megafono, sempre ovviamente seguiti da un ingente concentramento di digos, finanza, polizia e carabinieri, informando tutti e tutte dello scempio che stava per avvenire e bloccando in alcune occasioni i gate d’imbarco. Nel frattempo gli avvocati hanno preparato una serie di ricorsi, tra i quali uno in particolare diretto alla Cedu (Corte Europea dei Diritti dell’Uomo), per sospendere l’ordinanza ministeriale, viziata da diverse irregolarità tra cui il fatto che Divine è stato assolto dai reati su cui è basato il provvedimento di espulsione. La Cedu ha infatti considerato la situazione di Divine urgente e ha accolto il ricorso sospendendone l’espulsione, ma è a questo punto che è entrato in scena il subdolo gioco del Ministero dell’Interno: nonostante Strasburgo avesse accettato il ricorso degli avvocati tramite una sentenza esecutiva di sospensione, le autorità presenti nell’aeroporto per un giorno intero si sono rifiutate di dare garanzie riguardo alla non deportazione di Divine e alla sua liberazione. Le procure di Bologna e Milano, la polizia di Malpensa e il Ministero dell’Interno si sono rifiutati di dire agli avvocati in che stato fosse il compagno e dove si trovasse. Solo in tarda serata è giunta la notizia che Divine non era stato rimpatriato, questa è stata l’unica notizia che ci è giunta.

Ma non finisce qui: la mattina del 17 luglio Divine riesce a trovare il modo di contattare dei compagni e delle compagne, raccontando di essere stato trasferito la sera precedente nel CPR di Bari, informato della sospensione della sua deportazione solo poco prima del trasferimento. Alcune ore dopo veniamo informati che Divine si trova in udienza con un avvocato d’ufficio – riguardante il mantenimento dello stato di detenzione nella gabbia barese – alla quale però il compagno rifiuta categoricamente di presenziare, richiedendo di essere difeso dai propri avvocati. Il giudice ha accolto il rinvio e l’udienza è stata quindi rinviata a venerdì 19 luglio alle ore 9, giorno in cui saranno presenti i suoi legali.

Conosciamo Divine, la sua forza, il suo coraggio, la sua determinazione e sappiamo che non si farà piegare da questo ennesimo sopruso, sappiamo che il suo morale è abbastanza alto. Non è un caso che sia stato mandato proprio presso il CPR di Bari, uno dei lager peggiori d’Italia se non il peggiore, conosciuto per la violazione dei diritti umani, la segregazione e le torture vessatorie che lo rendono agli occhi di tutti una struttura duramente punitiva in cui spesso vengono deportati migranti ribelli.
In questi giorni la solidarietà dei compagni di varie città è stata forte e tempestiva e ha reso chiaro a sbirri e magistrati che Divine non è solo e che le loro sporche manovre almeno in questo caso non passeranno sotto silenzio. Ora è importante che la nostra voce si alzi ancora di più contro le mura di quella fottuta gabbia, per Divine e per tutti coloro che ogni giorno, circondati dal silenzio e dall’indifferenza vigliacca della gente, vengono privati della libertà perché poveri, indesiderabili, colpevoli di aver varcato una linea immaginaria chiamata confine. Per tutto questo sabato pomeriggio saremo a Bari con un presidio davanti al CPR chiediamo a tutti, compagni amici e solidali di venire numerosi.
Sappia il signor ministro e la sua corte che dovunque lo trasferiranno per allontanarlo dalla solidarietà noi saremo lì, e saremo anche nelle nostre città, nelle strade o in qualsiasi luogo ci andrà a genio a reclamare la liberazione immediata del nostro compagno.

Anche quando potremo riabbracciarlo di nuovo non smetteremo di tornare sotto quelle mura, davanti a quelle sbarre identiche a quelle di altre infami gabbie sparse per la Fortezza Europa, per portare avanti con ogni mezzo possibile la lotta contro il sistema che le ha rese e le rende possibili ogni giorno.

A TESTA ALTA, SENZA PAURA DELLA REPRESSIONE, FINCHE’ DI GABBIE E CPR NON POSSANO CHE RIMANERE SOLO MACERIE.
DIVINE LIBERO, TUTTI LIBERI, TUTTE LIBERE!

Per aggiornamenti ricordiamo che venerdì mattina ci sarà l’udienza che deciderà in merito alla sua detenzione presso la struttura barese e anche se Divo verrà rilasciato il presidio davanti al CPR avrà luogo ugualmente.

Compagn* di Divine

28 Novembre – Benedetto Petrone vive nelle nostre lotte

28 Novembre 1977 – 2018
BENEDETTO PETRONE VIVE NELLE NOSTRE LOTTE
per la libera circolazione di tutti e tutte
MANIFESTAZIONE ANTIFASCISTA
Ore 18:00 Concentramento in Piazza Umberto

Il 28 novembre del 1977 il compagno Benedetto Petrone veniva assassinato in Piazza Prefettura da una squadraccia fascista uscita dalla vicina sede del MSI sotto gli occhi delle forze di polizia che presidiavano la piazza. Uno scenario non troppo diverso da quanto accaduto lo scorso 21 settembre, quando, al termine di una partecipata manifestazione contro le politiche securitarie ed autoritarie del governo M5S-Lega, una squadraccia fascista, uscita dalla sede di Casapound in Via Eritrea, aggrediva alcuni manifestanti diretti alla stazione sotto gli occhi distratti di polizia e carabinieri che presidiavano la strada dal primo mattino. La violenza fascista di ieri non è poi così differente dalla violenza di oggi sia nei modi che nei tempi: reprimere i movimenti, servire i padroni difendendone gli interessi, fomentare l’odio per il diverso spacciando la difesa del “proprio orticello” ed il nazionalismo per amore verso la propria terra.

Continue reading

Presidio solidale #SeMiCacciNonVale contro i fogli di via da Bari, daspo e repressione

Questa iniziativa è stata indetta da NON SOLO MARANGE, Collettivo di mutuo soccorso e cassa di resistenza – Bari, a sostegno della campagna #SeMiCacciNonVale, campagna nata per sostenere e difendere 4 tra ragazzi e ragazze che nelle scorse settimana hanno ricevuto dalla questura di bari un avviso di foglio di via. Ciò che viene imputato loro come prova della necessità di questo provvedimento è il fatto che siano stati denunciati per l’occupazione di Villa Roth, un’occupazione avvenuta ben sei anni fa, le cui indagini sono concluse da 3 anni. È la prima volta che a Bari vengono emessi dei fogli di via a degli attivisti politici.

Continue reading

Contro la repressione e la criminalizzazione delle lotte sociali a Bari

“..la informiamo che nei suoi confronti è in atto un procedimento amministrativo volto all’adozione del provvedimento di ingiunzione di non fare ritorno nel Comune di Bari..”.

Con queste parole, ovvero un provvedimento noto come Foglio di Via, la questura di Bari sta allontanando 4 persone dalla città di Bari per 3 anni e non sappiamo se ce ne saranno altri ancora. Ciò che viene imputato loro come prova della necessità di questo provvedimento è semplicemente ridicolo: il fatto che siano state denunciate per l’occupazione di Villa Roth, un’occupazione avvenuta ben sei anni fa e le cui indagini sono concluse da 3 anni. Reati per i quali gli imputati non sono stati ancora giudicati poiché il processo non è ancora iniziato.

Continue reading

La solidarietà è un’arma, la solidarietà è una prassi

Il 02 febbraio 2017, durante la serata, un nutrito gruppo si è riversato nelle strade adiacenti il carcere di Bari. Per circa due ore, un presidio organizzato da “Non solo marange – collettivo di mutuo soccorso e cassa di resistenza”, ha portato la propria solidarietà militante a tutti i detenuti e tutte le detenute, e ribadito l’inumanità e l’inutilità di tutte le strutture carcerarie.

Motivo pregnante di questa iniziativa è stato l’arresto di due compagni a Torino: Donato e Stefano, rei, secondo lo stato, di essersi opposti ad uno sfratto ai danni di una famiglia, hanno subito il carcere ed ora sono ai domiciliari. A loro va la nostra irriducibile solidarietà come a tutti e tutte i\le rinchiusi\e.
Due ore di emozioni arricchite dall’intervento di alcuni parenti di un recluso che hanno voluto salutare il proprio caro e dalla risposta dei detenuti e delle detenute che, all’udir dei cori, dei discorsi e della musica, hanno ribattuto accendendo pezzi di carta, salutando, urlando e applaudendo il presidio dei\delle solidali.
L’iniziativa si è conclusa con un corteo spontaneo e chiassoso per le strade del quartiere Carrassi, prolungatosi fino all’Ex-caserma liberata, che ha ribadito a voce alta la totale avversità all’oppressione sociale.
NO AI C.I.E E ALLE GALERE!
SOLIDARIETÀ A TUTTI I DETENUTI E A TUTTE LE DETENUTE!
SOLIDARIETÀ A TUTTI I MIGRANTI E LE MIGRANTI RINCHIUSE!

 

Presidio sotto le mura del carcere di Bari in solidarietà a Donato e Stefano. Contro galere e sfruttamento – Liber* Tutt* 

Mercoledì 1° Febbraio, dalle ore 19:00
Presidio sotto le mura del carcere di Bari in solidarietà a Donato e Stefano. Contro galere e sfruttamento – Liber* Tutt*

Circa tre settimane fa a 8 attivisti/e del collettivo PrendoCasa di Torino sono state inflitte misure cautelari, tra le quali la carcerazione per Donato e Stefano, ancora oggi reclusi nel carcere delle Vallette.
Misure cautelari imposte a seguito di denunce partite dopo la resistenza a uno sfratto. Un’azione di resistenza in solidarietà alla famiglia Said, colpita dall’infame articolo 610 (che prevede lo sfratto a sorpresa) e colpita sopratutto dalle mira del palazzinaro Giorgio Molino, proprietario di 2000 appartamenti a Torino, personaggio che lucra sui bisogni dei più ricattabili, dispensatore di 610, e più volte indagato per sfruttamento della prostituzione.

Nel giorno che 3 anni fà segnò l’occupazione di una parte dell’Ex-Caserma Rossani, gli attivisti e le attiviste del collettivo Ex-Caserma Liberata e di NONSOLO MARANGE, Collettivo di mutuo soccorso e cassa di resistenza, indicono un presidio sotto le mura del carcere di Bari per chiedere l’immediata liberazione di Donato e Stefano, rinchiusi nel carcere di Torino per aver difeso una famiglia dallo sfratto violento che i servi in divisa della questura di Torino hanno eseguito agli ordini del costruttore e speculatore Molino.
Contro galere e sfruttamento – Liber* Tutt*

DONATO E STEFANO LIBERI
#STOPSFRATTI #MOLINOUOMODIMERDA

Prendocasa Torino

NONSOLO MARANGE – Collettivo di mutuo soccorso e cassa di resistenza – Bari

Saluto al carcere la notte di capodanno a bari

nella notte di capodanno il saluto di compagne e compagni presso il carcere di Bari  per ribadire che nessuno è solo nelle galere come nei CIE.

 

Il 19 dicembre una nuova protesta ha visto protagonisti i migranti e le migranti del CARA di Bari i quali chiedevano a gran voce di modificare il nuovo meccanismo di distribuzione dei pasti. Tutto ciò è accaduto a pochi mesi dalla “lunga marcia” degli eritrei che a giugno manifestarono rivendicando il loro diritto a lasciare l’Italia e contestando il programma di relocation che li aveva costretti a Bari.
In questo clima di tensione che anche dopo la chiusura del CIE non si è placato, arrivano, come benzina sul fuoco, condanne pesanti nei confronti di 31 persone “colpevoli” di aver partecipato alla rivolta dinanzi al “Centro di (non) accoglienza” il primo agosto 2011. Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 5 anni e 8 mesi di reclusione e i 3 anni e 10 mesi 31 immigrati, che con altre centinaia scesero in strada per manifestare la propria frustrazione e denunciare le condizioni inumane in cui si trovavano; fortunatamente la maggior parte dei condannati è irreperibile e ne siamo felici. Queste condanne comunque si aggiungono alle altre 14, comminate nel febbraio 2014, assieme alle deportazione nei paesi d’origine dei presunti ‘capi’ della rivolta. Non stupisce che la repressione colpisca chi alzi la testa, chi difende la propria dignità. Siamo consapevoli che per le leggi, e chi deve applicarle, non è importante che quelle centinaia di migranti vengano da paesi dilaniati da guerre di cui gli stati Nato, tra cui l’Italia, sono i veri responsabili; non importa che quei\quelle migranti rischino la vita durante una traversata per terra e mare pagata migliaia di dollari ad associazioni mafiose; non importa che quei\quelle migranti abbiano perso la propria famiglia, il proprio lavoro e si trovino in un paese che, negando il permesso di soggiorno o il diritto d’asilo , tiene migliaia di persone nell’impossibilità di cercare un impiego, di ricongiungersi ad amici o ai cari rimasti, di vivere liberamente insomma, gettandoli\e così in un’apatica ed estenuante inedia. Non stupisce neanche l’approccio tendenzioso e superficiale con il quale i giornali e i media hanno riportato la notizia, volto esclusivamente ad una mera cronaca dell’accaduto o a legittimare l’azione repressiva della magistratura dedita a placare ogni frizione sociale a colpi di anni di carcere. Non stupisce l’assoluta acriticità dei giornalisti nostrani, che non indagano sulle cause e sui presupposti che portano alla protesta, mai. La realtà è che l’accoglienza di stato è solo carcerazione, violenza, deportazione, negazione dell’identità. Chi giunge su queste coste senza le carte ritenute giuste si trova rinchiuso in una gabbia amministrativa fatta di burocrazia infinita e in una struttura “logistica” fatta di CIE, HOT SPOT, SPRAR, CARA, trattati alla stregua di merci. E questo sono, per chi tutto ciò lo gestisce. Il business per politici, mafiosi e fascisti è redditizio. Così come lo è per tutti gli altri operatori, che a vari livelli, permettono che la macchina dei lager per stranieri funzioni. Il tutto nel contesto di una strategia politica che punta a fare dello straniero il capro espiatorio per eccellenza, il nemico da combattere, la causa dei problemi, alimentando così la guerra tra poveri.
Noi sappiamo chi sono i\le colpevoli: sono le multinazionali e gli stati nazionali a loro asserviti, sono i\le banchieri\e e le loro istituzioni FMI e BCE, sono l’imperialismo di NATO, EU, Russia, Turchia ecc. che da un lato creano il problema, la guerra, utilizzando lo spauracchio del terrorismo o la lotta al dittatore autoctono di turno, e dall’altro si propone come soluzione allo stesso problema, invadendo manu militari per “esportare la democrazia”. Siamo convinti\e che la condizione dei\delle migranti è la medesima dei\delle disoccupati\e, dei\delle precari\e, di chi non ha una casa, di chi vede distrutto il proprio territorio dalle grandi opere; di tutti\e gli\le sfruttati\e senza distinzione di sesso, razza, religione, colore della pelle o nazionalità, perché la fonte è la stessa: il capitalismo fondato sul dominio.
Siamo complici con i\le migranti in lotta,

Siamo solidali con chi è stato\a colpito\a dalla repressione perché si è ribellato\a;

Siamo complici e solidali con chiunque lotti contro un sistema mondiale che vuole lo sfruttatore dominare gli sfruttati.
NO AL RAZZISMO! NO AI CIE\CARA!
NO AI CONFINI! SI ALLA LIBERTA’ DI MOVIMENTO!
SOLIDARIETA’CON I\LE MIGRANTI COLPITE DALLA REPRESSIONE!
COMPLICITA’CON I\LE MIGRANTI IN LOTTA!

Presidio sotto le mura del carcere di Bari

Giovedi 20 Ottobre a partire dalle ore 18:00
Presidio sotto le mura del carcere di Bari (Viale Papa Giovanni XXIII)
NON SARA’ LA MORTE A FERMARE LA TUA VOCE
Verità e giustizia per Carlo Saturno
NONSOLO MARANGE – Cassa di resistenza, supporto legale e mutuo soccorso

 

carlo-saturno-presidio

In carcere si tortura, in carcere si muore – la storia di Carlo Saturno

La fine violenta di Carlo Saturno, giovane ventitreenne morto nel carcere di Bari il 30 marzo del 2011, non è solo una storia di una morte e violenza, ma anche di coraggio e volontà.

E’ il 30 Marzo del 2011; Carlo viene rinchiuso in una cella di contenimento del carcere di Bari, dove poche ore dopo, viene ritrovato in condizioni disperate con un lenzuolo legato al collo. Carlo Saturno viene trasferito al Policlinico di Bari, dove 8 giorni più tardi verrà dichiarato morto.

Carlo entra per la prima volta in carcere, nel 2003 all’età di 14 anni nell’Istituto penale per minorenni di Lecce, dove si trova a subire ogni tipo di abuso da parte delle guardie penitenziarie, sino ai limiti della tortura. Carlo guidato da un’incrollabile volontà nel difendere la sua integrità fisica e mentale dal sistema carcerario, decide di denunciare insieme ad altri detenuti ed operatori del carcere le violenze subite. È l’unico però ad avere il coraggio di testimoniare nel processo contro 9 agenti penitenziari avviatosi nel 2007. Da qual momento la vita di Carlo diventa un inferno fatto di vessazioni, minacce, isolamento, a prescindere dalle carceri nelle quali viene trasferito: Novara, Taranto e infine Bari.

Il 30 marzo del 2011, dopo l’ennesimo scontro fisico e verbale con un agente di polizia penitenziaria del carcere di Bari, alla presenza di altri agenti e detenuti, Carlo viene rinchiuso nella cella di contenimento proprio per essersi rifiutato di piegarsi all’ennesima minaccia di trasferimento, poche ore dopo verrà trovato impiccato.

A distanza di 5 anni dalla sua morte violenta e nonostante le pressanti richieste del GIP, “di individuare gli agenti di polizia penitenziaria responsabili del pestaggio, i medici che ebbero in cura il ragazzo, gli psicologi e tutti coloro che permisero che restasse solo nella cella in cui fu trovato cadavere”, per la terza volta la procura di Bari ha chiesto l’archiviazione del caso con l’evidente volontà di non voler perseguire i responsabili della morte di Carlo. Per il magistrato inquirente non ci sono approfondimenti da fare, nè colpevoli da cercare, così come avviene per la maggior parte dei detenuti che muoiono in per “arresto cardiocircolatorio” o “suicidio”.

Il carcere è il luogo della disumanizzazione, della spersonalizzazione individuale e affettiva, della violenza e della privazione. Il carcere di Bari, se mai l’abbia avuto, ha di certo perso la sua funzione di “rieducazione” rimanendo solo un luogo di detenzione fatiscente e vetusto, sovraffollato, senza luoghi di socialità adeguati, con spazi aperti molto limitati e dove la stragrande maggioranza dei detenuti è in attesa di giudizio (267 su 348).

Noi vogliamo che la memoria di Carlo come di tutti coloro che hanno perso la vita nelle carceri rimanga viva, noi vogliamo verità e giustizia per Carlo Saturno e lo grideremo a gran voce sotto le mura del carcere di Bari, giovedi 20 Ottobre a partire dalle ore 18:00 (Viale Papa Giovanni XXIII) dove il nome di Carlo è solo uno dei tanti nomi di coloro che hanno perso la vita in quel luogo.